In EvidenzaLa tradizioneLifestyle

L’importanza di mangiare italiano: 5 motivi fondamentali.

4 maggio 2020
italiana

Sostenere la filiera agroalimentare italiana è importante per diversi motivi. Oggi, ai tempi del Covid-19, se ne parla tanto soprattutto in relazione all’economia del nostro Paese. Ed è giustissimo, ma sono davvero molti gli aspetti per cui acquistare e mangiare “cibo tricolore” è sempre la scelta giusta. Sempre.
Vediamo insieme quali sono i 5 motivi per cui è importante mangiare italiano.

Prima di iniziare, una premessa generale: dietro il gesto che compiamo quando mettiamo un prodotto nel carrello o lo scegliamo dal bancone di un negozio di alimentari oppure che ordiniamo un piatto al ristorante… c’è un “mondo” intero! Immersi nella fretta della quotidianità, di cui la spesa è solo uno dei tanti aspetti, può capitare di non pensarci, ma è proprio così.

Infatti, quando la tua mano si dirige verso un prodotto, in quel preciso momento stai in realtà dando un senso al lavoro di chi rende possibile, lì di fronte a te, la presenza e l’esistenza stessa di quel prodotto: chi lo coltiva e ne cura gli ingredienti, chi lo produce, chi lo confeziona, chi lo trasporta, chi gestisce il luogo dell’acquisto. Insomma c’è la vita, il lavoro e molto spesso la passione per la qualità di tante persone.

Ecco allora i 5 motivi che ti spiegano perché è davvero importante comperare italiano ed essere sicuri dell’origine e della provenienza del nostro cibo:

1- Per tutelare una biodiversità unica al mondo.
Mettiamolo al primo punto, perché dobbiamo esserne fieri: un prodotto alimentare 100% italiano viene realizzato con ingredienti coltivati nel luogo speciale che noi abbiamo la fortuna di abitare: una penisola al centro del Mare Mediterraneo con un clima e una biodiversità davvero unici. Quindi, il consumo di cibi italiani incentiva e tutela le nostre coltivazioni, che all’estero ci invidiano per la loro varietà, caratteristiche e qualità. Non a caso la dieta mediterranea è considerata il regime alimentare più sano, buono ed equilibrato nel mondo intero. E noi tutto questo l’abbiamo in casa, grazie a madre natura e al lavoro paziente di tanti agricoltori e produttori rispettosi di questa fortuna. Pensaci.

2- Per essere sicuri di quello che mangi.
Diciamolo, senza timore di smentita: tutti ci lamentiamo delle tante leggi italiane, ma da noi – sarà per l’innata passione italica per il buon cibo – vige il sistema di norme e controlli più severo e più accurato al mondo nel settore dei prodotti alimentari. E questo vale per tutte le fasi della Filiera produttiva, dal campo alla tavola. Le materie prime importate non sono così garantite come le nostre e sono talvolta trattate, come nel caso del grano, con pratiche agricole e prodotti chimici che in Italia sono vietati, proprio per tutelare la tua salute. La pasta italiana è un piatto simbolo del nostro Paese nel mondo: non sarebbe un controsenso se tu ne mangiassi un tipo prodotto con un grano coltivato all’estero e senza poter essere sicuro della sua qualità?

3- Per dare il giusto valore al tuo cibo.
Un prodotto alimentare italiano al 100% costa talvolta poco in più, ma è più sicuro, sostenibile e dà tanto all’intera Filiera produttiva, valorizzando in particolare i territori d’origine, le nostre tradizioni alimentari e i produttori virtuosi. Il valore aggiunto che si crea nei primi passaggi della Filiera (tipicamente gli agricoltori) consente di poter lavorare con margini che finiscono per garantire la qualità degli ingredienti e che, insieme al valore di una lavorazione di alto livello, contribuiscono alla bontà e alla genuinità del prodotto che acquisti nel supermercato. Chi utilizza materie prime non italiane, lo fa perché le paga molto meno. E tu, come consumatore, hai il diritto di saperlo.

4-  Per promuovere Filiere sempre più trasparenti.
Il cibo interamente italiano di qualità è più sano e più buono, sia per il tuo palato che per la tua salute. Essere esigenti sull’origine di ogni ingrediente, prestare sempre attenzione all’etichetta, preferire e acquistare prodotti 100% “Made in Italy” è un comportamento virtuoso che stimola i produttori a fare sempre meglio. E una filiera trasparente crea i presupposti per mantenere nel nostro Paese tutte le lavorazioni, anche quelle connesse (cioè l’indotto). Un vantaggio per tutti e soprattutto per il consumatore, cioè per te.

Noi de La Pasta di Camerino ne siamo così convinti da essere oggi l’unico produttore di pasta 100% italiana che permette di tracciare la propria filiera di alta qualità direttamente al consumatore, confezione per confezione, semplicemente inquadrando con lo smartphone il QRcode riportato in etichetta. Perché la cristallina qualità italiana merita una trasparenza assoluta!

5-  Per la qualità della vita di tutti, come “Sistema Paese”.
Infine, se acquisti cibo italiano non solo contribuisci a dare lavoro nel nostro Paese lungo tutta la filiera produttiva (dalla produzione, alla trasformazione, alla logistica e alla vendita)… Se acquisti un prodotto italiano fai crescere tutta la nostra economia (misurata dal Pil, cioè il Prodotto interno lordo). Al contrario, l’acquisto di materie prime dall’estero operato da alcuni produttori sposta la creazione di ricchezza condivisa al di fuori dell’Italia. Un prodotto 100% italiano, quindi, garantisce anche che i soldi che spendi quando fai la spesa rimangano in Italia e quindi contribuiscano pienamente ad alimentare, attraverso la fiscalità, anche il nostro sistema di servizi pubblici (sanità, pensioni, etc.).

Si conclude qui questo articolo nel quale abbiamo riassunto i 5 motivi per cui è importante e necessario, oggi e sempre, sostenere le Filiere alimentari 100% italiane. Ma, te ne sarai accorto, quello che è davvero importante è una cosa sola: #mangiaitaliano.

 

Potrebbe piacerti anche