Ditalini rigati con Cicerchia di Serra de’ Conti

27 Novembre 2020

Con la ricetta di oggi vi presentiamo un prodotto tipico della nostra regione: la Cicerchia di Serra de’ Conti, un legume antico di cui si è progressivamente ridotta la produzione e che oggi è stato riscoperto e valorizzato. La sua forma assomiglia a quella dei ceci, ma la consistenza è più rustica. Perfetta per delle ottime zuppe autunnali, noi ve la proponiamo abbinata ai nostri Ditalini Rigati all’uovo, per un primo piatto completo, che scalderà queste fredde giornate autunnali.

Difficoltà: Media
Tempo di preparazione: 1 ora più il tempo di ammollo della Cicerchia

Ingredienti per 4 persone:

250 g di Ditalini Rigati La Pasta di Camerino

250 g di Cicerchia di Serra de’ Conti

mezza cipolla

foglie d’alloro q.b.

olio extravergine d’oliva

sale e pepe q.b.

Preparazione

Sciacquate bene la Cicerchia e mettetela a bagno per almeno 8 ore, cambiando l’acqua due o tre volte. Trascorso il tempo di ammollo, portate a ebollizione abbondante acqua non salata e fate cuocere la Cicerchia per 40 minuti; scolatela e mettetela da parte. Tagliate mezza cipolla alla julienne; versate due cucchiai d’olio in una padella e fate soffriggere la cipolla. Versate la Cicerchia in padella, salate e aggiungete del pepe appena macinato. Profumate con le foglie di alloro spezzettate. Aggiungete un bicchiere d’acqua bollente o del brodo e lasciate cuocere per 10 minuti, senza far asciugare troppo la Cicerchia.
Nel frattempo fate bollire l’acqua per la pasta e salatela; versate i Ditalini Rigati e fate cuocere per
8 minuti. Scolateli e ripassateli in padella con la Cicerchia, impiattate e condite con un filo d’olio a crudo e del pepe appena macinato.

I consigli dello chef

Per la cottura utilizzate un litro d’acqua ogni 100 g di Cicerchia. L’acqua di cottura va eliminata.

Questa ricetta è perfetta anche con i Malfatti La Pasta di Camerino.